Immagine coordinata: come si crea a come si sviluppa

Ogni azienda ha tra i suoi obiettivi quello di creare un rapporto di fiducia con i propri clienti. Per far ciò, è fondamentale utilizzare un precisa strategia che appartiene da sempre al mondo della comunicazione visiva: l’immagine coordinata. Il suo scopo? Far conoscere progressivamente al pubblico l’identità sociale e commerciale di un’azienda.

Se non avete idea di cosa sia, leggete questa guida. Oggi vi sveleremo che cos’è l’immagine coordinata di un’azienda, come si crea e perché può fare la differenza per ogni tipo di azienda.

LEGGI ANCHE: Come creare una pubblicità di successo: 5 regole d’oro

1. Cos’è l’immagine coordinata?

L’immagine coordinata è, genericamente, il modo in cui un’azienda appare al proprio pubblico. È una carta d’identità che permette ad ogni impresa di essere facilmente riconosciuta dai propri potenziali clienti e non. L’immagine coordinata si manifesta ovunque: nelle brochure, nei gadget, nel sito web di un’azienda, sui social. Per questa ragione, la caratteristica principale dell’immagine coordinata è la coerenza stilistica e comunicativa: la struttura del logo, l’impaginazione di una pagina, il lettering di ogni campagna pubblicitaria devono essere sempre coerenti e uniformi tra loro.

Quali sono i punti di forza di un’immagine coordinata?

Sviluppando un’immagine coordinata solida, è possibile farsi conoscere e riconoscere dal proprio pubblico, distinguersi dai competitor, colpire l’attenzione e restare impressi nella memoria. L’immagine coordinata, infatti, permette di trasferire la propria filosofia aziendale in un marchio che vi possa rappresentare in tutto e per tutto. Configurare un’immagine coordinata forte e in grado di avere un impatto forte sul pubblico e, allo stesso tempo, trasmettere quelli che sono i valori fondanti la vision e la mission del brand, la sua storia, il proprio approccio commerciale e produttivo. Colori, lettere, design del proprio merchandising, linguaggio adoperato sul sito, sui social network e nelle pubblicità online fanno tutti parte di un’unica espressione stilistica ed è ciò che i consumatori imparano a conoscere, valutare e scegliere.

Come creare un’immagine coordinata?

Per creare un’immagine coordinata, occorre prima di tutto stabilire una linea editoriale Che immagine deve avere la vostra azienda? Qual è la vostra mission? Quali sono i valori fondanti l’identità del marchio che devono trasparire in ogni atto comunicativo? Delineata la strategia, si passa alla sua concretizzazione. Partite dalla creazione di un logo aziendale che rappresenti al meglio la vostra identità e che sia facile da ricordare e da applicare su ogni tipo di formato, dal sito alla carta intestata, dalla cartellonistica stradale alla copertina di Facebook. Nella comunicazione visiva è fondamentale creare un logo semplice, accattivante ma lineare.

LEGGI ANCHE: Agenzia di comunicazione: cos’è e di cosa si occupa

Scegliete con cura i colori che preferite e le sue sfumature. Attenzione però: la vostra immagine deve essere uniforme in ogni documento, impaginazione o comunicazione di carattere commerciale. Per questa ragione, prendetevi tutto il tempo necessario per decidere al meglio. Stabilita la linea grafica, questa dovrà essere declinata in ogni aspetto della vostra comunicazione aziendale: in brochure, siti internet, volantini pubblicitari, social network e così via. Il restyling può essere cambiato in qualsiasi momento: basta farlo con coerenza e convertirlo costantemente in ogni strumento comunicativo che utilizzate.

7th Dicembre 2017

Tags: ,