AdWords Vs. Facebook Ads: meglio investire su Google o su Facebook?

Google AdWords vs. Facebook ads

Google AdWords Vs. Facebook ads, ovvero la piattaforma di promozione online messa a disposizione da Big G. e quella proposta dal social network più diffuso al mondo, sono due soluzioni di web marketing capaci di attirare una quota sempre crescente del mercato pubblicitario su internet. I due strumenti funzionano in maniera differente e offrono occasioni di business diverse. Per tale ragione, è impossibile stabilire in valore assoluto quale delle due soluzioni sia migliore. Semmai, possiamo delineare punti di forza e di debolezza di entrambi, in modo da capire in quali casi sia preferibile investire in pay per click su Google e in quali, invece, sia migliore il canale messo a disposizione da Facebook.

LEGGI ANCHE: Come fare marketing su LinkedIn per promuovere la tua azienda

Google AdWords e Facebook Ads: come funzionano

Google AdWords è la piattaforma integrata alla suite di Google che consente di acquistare visibilità per il proprio sito partendo dalla definizione di un set di parole chiave. In tal modo, un utente che esegue una ricerca sul motore di ricerca avrà la possibilità di visualizzare il sito sponsorizzato prima di quelli posizionati nelle prime posizioni della SERP (Search Engine Results Page, la pagina dei risultati di Google). Anche Facebook Ads permette di acquistare visibilità a pagamento, ma in maniera differente: il canale di riferimento qui, ovviamente, è il social network; il post sponsorizzato, una volta che Facebook ha analizzato e approvato la campagna, appare sulla bacheca degli utenti con caratteristiche corrispondenti alla targettizzazione scelta dal gestore dell’inserzione.

Google AdWords e Facebook Ads: le differenze principali

Chiaramente, il primo elemento differenziante è il canale stesso su cui viene avviata una campagna promozionale: Google per AdWords e Facebook per gli Ads di Facebook. Nel caso delle PPC su Google, l’inserzione si rivolge dunque ad utenti che stanno effettuando una ricerca specifica e che, dunque, sono alla ricerca di un servizio o di un prodotto che noi vogliamo pubblicizzare. Con Facebook, invece, ciò non avviene poiché il post sponsorizzato raggiungerà utenti alle prese con una semplice navigazione del social e che, casualmente (più o meno) si imbattono in un contenuto non richiesto e che, quasi sicuramente, mai avrebbero visualizzato se non fosse stato promosso tramite una specifica campagna PPC. Quindi, meglio Google di Facebook? Non ancora, procediamo con calma.

Intercettare un bisogno Vs. Intercettare un utente

Ciò che emerge in modo evidente è che Google AdWords permette di intercettare in modo diretto i bisogni specifici dell’utente, mentre Facebook è più adatto a raggiungere l’utente stesso. Ciò apre a un’altra riflessione: se noi vogliamo promuovere un prodotto e conosciamo già il nostro target, Google diventa uno strumento adatto alle nostre esigenze poiché funge da ponte, da punto d’incontro tra un’offerta ben definita e una domanda facilmente riconoscibile. Che fare, però, quando vogliamo proporre una nuova tipologia di servizio o una specifica offerta che, probabilmente, nessuno si sognerebbe di cercare su Google per parole chiave? Ecco che qui lo strumento Facebook Ads diventa decisamente più adatto al nostro scopo, poiché non necessita di una domanda di mercato da intercettare.

Gestione delle campagne

Sia Google che Facebook offrono una risorsa fondamentale per qualsiasi attività di web marketing: la possibilità di targettizzare il proprio pubblico, ovvero di scegliere quali caratteristiche debba possedere l’utente cui noi vogliamo rivolgerci, inserendo segmentazioni relative ad età, sesso, provenienza geografica. Facebook Ads, però, propone una maggiore varietà di fattori, includendo anche gli interessi personali, le passioni, la professione svolta, il titolo di studio, ecc. Di contro, AdWords è molto più flessibile riguardo alla definizione delle fasce orarie in cui promuoversi, giorni della settimana, canali utilizzabili (Rete di ricerca, display, remarketing). Un punto debole di Google AdWords sta però nella scarsa possibilità di personalizzazione del post, poiché chi sceglie di promuoversi tramite rete di ricerca avrà a disposizione solo un breve titolo e un sottotitolo, mentre Facebook Ads permette di sponsorizzare immagini, video, pagine web, dimostrandosi decisamente più flessibile.

LEGGI ANCHE: Whatsapp Marketing: come promuoversi con l’instant messaging

AdWords Vs. Facebook Ads: costi

Ogni campagna PPC può essere personalizzata, sia su Google e sia su Facebook, in relazione ai costi, stabilendo in anticipo il budget giornaliero da investire e la durata della campagna. Mediamente, però, Google AdWords presente un CPC (costo per clic) più alto rispetto a Facebook Ads e, se poco ottimizzata, una campagna Google può arrivare a costare cifre considerevoli che, con una scelta inopportuna delle keyword, può persino rivelarsi infruttuosa. Come scegliere, dunque, su quale piattaforma investire? A questo punto sembra chiaro che non ci sia una risposta univoca, d’altra parte nessuno ci vieta di utilizzare sinergicamente entrambe le piattaforme, secondo le diverse modalità e adattando obiettivi e comunicazione alle caratteristiche dello strumento in uso.

22nd Novembre 2019

Tags: , , , , , , , ,