Brand Ambassador: chi è, perché è importante per le aziende

Il Brand Ambassador è una figura potenzialmente cruciale per l’immagine di un’azienda, capace di diffondere, migliorare e consolidare la sua immagine, incrementare le vendite e rafforzare le relazioni tra un marchio e il proprio pubblico di riferimento. Ma chi è di preciso il Brand Ambassador e cosa c’è da sapere su di lui?

LEGGI ANCHE: Marketing strategico: che cos’è, definizione e punti di forza

Brand Ambassador: il portavoce dell’azienda

Il Brand Ambassador, come suggerisce lo stesso nome, può essere considerato a tutti gli effetti come un portavoce dell’azienda. In quanto tale, uno dei suoi compiti è quello di promuovere i prodotti del marchio che egli rappresenta e il marchio stesso nel suo complesso. Si tratta, dunque, di personalità che godono di una certa considerazione presso il pubblico e che sono capaci di condizionare i gusti e le opinioni della gente: per tale ragione, spesso i brand ambassador sono selezionati tra personaggi noti, blogger, influencer. Non sempre però il brand ambassador è un volto noto: questi, infatti, può essere anche un fan della marca, una persona che aderisce pienamente ai valori e ai gusti del brand e che, per tale motivo, si configura come un ottimo rappresentante.

Di cosa si occupa il Brand Ambassador

Chiarito che il brand ambassador ha come missione quella di diffondere l’immagine aziendale e di migliorare la sua brand awareness al fine di incentive le vendite dei suoi prodotti, resta ora da capire con quali modalità egli persegua tali obiettivi. Lo fa interagendo con i clienti dell’azienda che rappresenta, sia quelli effettivi che potenziali. Essenziale, dunque è che egli dimostri la capacità di creare relazioni, di consolidare rapporti, di instaurare reti e connessioni, ma non solo con gli acquirenti, bensì anche con organi della comunicazione e dei media, venditori, fornitori, distributori e tutti gli altri operatori del mercato.

La creazione di contenuti

Il modo più efficace di porre in essere relazioni con gli stakeholders è quello di creare contenuti e di diffonderli sia attraverso gli strumenti dell’online e sia nel mondo fisico. I contenuti hanno a che fare con una vasta tipologia di possibilità, dalle recensioni di prodotto agli articoli, dai video alle immagini di prodotti e servizi, interagendo tramite social network con post e commenti. Tutto ciò che il brand ambassador fa ha a che fare con la creazione e il consolidamento di engagement al fine di potenziare la propria community, ma anche di monitorare le impressioni del pubblico e di captare le tendenze di settore.

LEGGI ANCHE: Comunicato stampa: come utilizzarlo per fare marketing

Brand Ambassador e Brand Advocate

Il brand ambassador viene compensato per il suo lavoro ed è dunque una figura a libro paga dell’azienda, che eroga un servizio e viene retribuito di conseguenza. Diversamente, esiste anche la figura del brand advocate il quale, a differenza del primo, agisce in favore dell’azienda, ma senza alcun compenso, bensì perché convinto sostenitore della stessa e dei suoi prodotti. Si tratta di una figura molto preziosa per una serie di ragioni: al di là della promozione totalmente gratuita che egli garantisce al marchio, questi incrementa la diffusione del passaparola poiché genera un’eco positiva e del tutto disinteressata, riconosciuta in quanto tale come maggiormente credibile e autentica. Una rete di brand advocate si rivela dunque una risorsa estremamente qualitativa per la promozione della brand image di un’impresa e deve essere sostenuta anche attraverso omaggi, sconti e dimostrazioni di gratitudine, utili a saldare ulteriormente il rapporto di stima e affetto.

20th Aprile 2020

Tags: , , , , , ,