Brand Identity: che cos’è, come idearla, perché è fondamentale per un’azienda

La Brand Identity fa riferimento a ogni aspetto relativo al marketing e alla comunicazione di un marchio e in funzione della quali un’azienda comunica se stessa al proprio pubblico di riferimento. Possiamo definire la brand identity di una marca come l’insieme degli elementi che rendono una marca riconoscibile e differente dai suoi competitor. Perché essa è così importante?

LEGGI ANCHE: Storytelling aziendale: cos’è e perché fa la differenza

L’importanza della Brand Identity

Il consumo, oggi più che mai, ha un valore sociale che è sempre più simbolico oltre che funzionale. Il modo in cui ognuno di noi sceglie cosa acquistare, cosa indossare, dove mangiare, quale auto guidare, eccetera, descrive l’identità di un individuo. Per tale ragione, ogni azienda, nel definire la propria comunicazione di marchio, deve prima di ogni altra cosa avere ben chiaro quali siano i propri valori e quelli del proprio target di riferimento. La definizione della propria identità stabilisce il tipo di comunicazione che essa svilupperà verso l’esterno, ma anche i prodotti che verranno immessi sul mercato. Un marchio privo di un’identità è un marchio senza pubblico.

Il naming

Il primo elemento attraverso cui una marca parla di se stessa è, ovviamente, il nome. Nella creazione di una nuova azienda, l’attività di naming, ovvero i processi che portano alla scelta del nome aziendale, riveste un’importanza cruciale: la denominazione dell’impresa deve essere in grado di suggerire la propria brand identity, ma al tempo stesso deve essere semplice da ricordare e deve essere in grado di suggerire i prodotti che offre, i bisogni a cui risponde e il modo in cui lo fa.

L’immagine coordinata

Una componente fondamentale attraverso cui un brand comunicare se stesso e i propri valori è rappresentata dall’iimmagine coordinata che, a sua volta, include diversi elementi, tutti fondamentali per la costruzione della strategia di comunicazione aziendale. L’immagine coordinata è costituita da tutti gli elementi visivi che permettono a un marchio di presentarsi e di raccontare se stesso: il logo, il lettering, i colori aziendali, il packaging, l’impaginazione dei propri prodotti promozionali e di rappresentanza. Il nome stesso – immagine coordinata – suggerisce l’idea di una comunicazione organica, coerente in ogni suo aspetto e figlia di una strategia unica e mirata.

Brand personality

Dunque, la brand identity di un marchio permette di raccontare una realtà commerciale secondo un meccanismo di personificazione: un marchio viene percepito dal proprio pubblico come se fosse una vera e propria persona, dotata di caratteristiche e peculiarità tipiche di un essere umano. La brand personality – ovvero la personalità di un marchio – permette di avvicinare l’azienda al proprio pubblico e consente a quest’ultimo di riconoscere in modo immediato il marchio come un’entità più o meno affine ai propri valori etici e di consumo. Così, un’azienda può essere elegante o alternativa, attenta alle tematiche ambientali e del benessere o tendente ad un approccio godereccio, spiritosa o pragmatica.

LEGGI ANCHE: Immagine coordinata: come si crea a come si sviluppa

Brand identity e brand image

Il concetto di brand identity viene spesso confuso con quello di brand image. Si tratta di un’associazione sbagliata poiché la brand image, a differenza della brand identity, si riferisce al modo in cui gli utenti percepiscono un marchio, la sua comunicazione, i valori che esso cerca di esprimere. Dunque, la brand identity si configura sulla base di come l’azienda vuole raccontare se stessa ed è dunque definita dall’emittente; la brand image dipende dal modo in cui il pubblico, ovvero il destinatario, decodifica la stessa comunicazione.

6th Agosto 2019

Tags: , , , , , , , , ,