Facebook per aziende: come sfruttarlo al meglio

Facebook per aziende è un servizio gratuito offerto dal social media più utilizzato al mondo attraverso il quale strutturare strategie di marketing online orientate a consolidare la visibilità di un brand e ad aumentare le vendite dei propri prodotti e servizi. Perché Facebook for Business generi una reale ricaduta positiva sulla riconoscibilità di un marchio, occorre che il servizio sia utilizzato in modo ottimale. Qual è il modo migliore di sfruttare le enormi potenzialità di Facebook per aziende? Ecco una guida praticissima!

LEGGI ANCHE: Twitter per aziende: ha ancora senso crederci?

Creare una pagina aziendale

Il primo passo, ovviamente, consiste nel creare una propria pagina aziendale su Facebook. Per poter realizzare un account business, è necessario disporre di un profilo privato da cui gestire le operazioni di creazione della pagina relativa alla propria azienda. Si tratta di una procedura piuttosto semplice, è sufficiente seguire le istruzioni scegliendo il nome della pagina (che è bene sia corrispondente a quello del marchio), inserire un’immagine profilo (che di solito coincide con il logo aziendale), un’immagine di copertina (è consigliabile optare per un’immagine d’impatto e graficamente accattivante) e una frase aziendale (se avete già elaborato un payoff è bene utilizzare quello). Poi deve essere ottimizzata la scheda relativa all’azienda, inserendo informazioni quanto più complete possibile relative all’impresa, alla sua storia, ai suoi prodotti, orari di apertura e chiusura, ecc. In questa fase, basta seguire le istruzioni fornite dalla piattaforma.

I post

Una volta creato il proprio profilo azienda su Facebook, è il momento di popolare la pagina. Il consiglio è, soprattutto all’inizio, di consolidare la propria presenza online, pubblicando 3-4 contenuti al giorno (non di più, per non rischiare di risultare ‘spammoso’). Qui è bene variare tipologia e orari dei propri post, in modo anche da comprendere al meglio quali tipi di contenuti risultano più apprezzati dalla community tra testi, immagini, video. Le pagine aziendali dispongono di una sezione dedicata alle statistiche del proprio social media marketing visualizzabile gratuitamente su Insights: scoprite da lì quali contenuti ricevono il maggior numero di interazioni, in quali giorni e in quali orari, così la vostra strategia editoriale inizierà a prendere forma. Consiglio: non limitatevi a pubblicare foto e descrizioni di prodotti, il pubblico deve essere interessato e intrattenuto.

Le campagne a pagamento

Avviata la pagina e popolata la propria bacheca, si può iniziare a valutare la possibilità di avviare una campagna a pagamento. Facebook permette infatti di realizzare campagne PPC (pay per click) attraverso le quali realizzare post che saranno visualizzati, oltre che dalla gente che già segue la tua pagina, anche da chi non la conosce. Potete targettizzare il vostro pubblico decidendo che tipo di utenti visualizzeranno i vostri post in relazione a età, sesso, interessi, provenienza geografica e tantissimi altri parametri. La scelta del pubblico è fondamentale per la buona riuscita della campagna!

LEGGI ANCHE: Nuove piattaforme e social media trends 2020: cosa sapere

Promuovi la pagina online e offline

Una pagina aziendale Facebook non vive e muore all’interno di Facebook stesso, ma diventa parte integrante degli strumenti di comunicazione di un’azienda. In quanto tale, essa deve essere promossa a più livelli, attraverso la comunicazione offline e sugli altri canali digitali dell’azienda, promuovendo i propri contenuti su altri gruppi e pagine presenti su Facebook, inserendo il link della pagina sui biglietti da visita e nel proprio sito web. L’obiettivo è realizzare una comunicazione coordinata e unica, che permetta all’azienda di configurarsi in modo coerente e specifico sul mercato con tutti gli strumenti che essa adopera, a livello digitale e nel mondo fisico.

16th Marzo 2020

Tags: , , , ,