Marketing Mix: che cos’è, perché fa la differenza

Il termine marketing mix fa riferimento alle variabili controllabili di marketing che un’impresa definisce e utilizza per raggiungere i propri obiettivi di mercato. Attraverso la fissazione prima e il raggiungimento poi di obiettivo a breve e medio termine, un’azienda è in grado di assumere un controllo più stringente sul proprio processo commerciale, facilitando la misurazione dei risultati e il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine. Le variabili controllabili di marketing sono definite leve decisionali.

LEGGI ANCHE: Sponsorship marketing: farsi conoscere attraverso gli eventi pubblici

Le 4 P del marketing mix

Le variabili del marketing mix possono essere compendiate in 4 punti, sintetizzati perfettamente dalla legge delle 4 P, elaborata da uno dei massimi esperti mondiali di marketing, Philip Kotler:

  • Product: prodotto
  • Price: prezzo
  • Place: distribuzione
  • Promotion: promozione

Marketing mix: il prodotto

Il Prodotto (Product) è il bene o servizio che un’impresa propone sul mercato al fine di soddisfare una domanda da parte del pubblico. Il prodotto è la leva principale del marketing mix e sottende tutte le altre. L’approccio proprio del marketing mix richiede che l’azienda conosca in modo specifico le caratteristiche del proprio prodotto, le peculiarità d’uso, i valori che esprime, le esigenze a cui risponde. Il consumatore non fruisce solo del prodotto in sé (prodotto essenziale), ma anche degli elementi correlati al prodotto stesso che concorrono alla soddisfazione del consumatore (prodotto tangibile) e i servizi integrati di assistenza post vendita (prodotto ampliato). Un’impresa deve avere il controllo di ogni singolo aspetto relativo alla propria produzione, elaborando nuove soluzioni e strategie in relazione ai mutamenti dei consumatori e del mercato.

Marketing mix: il prezzo

Il Prezzo (Prezzo) che un’impresa stabilisce è frutto di un’analisi che precede la messa sul mercato. Il costo che viene stabilito per un bene o servizio ne definisce ulteriormente la sua identità e il suo orientamento sui mercati. Ciò richiede un attento studio dei competitors e dello scenario entro cui si opera. La politica di prezzo si struttura anche in relazione ai costi di produzione e al collocamento del brand nel proprio mercato di riferimento.

Marketing mix: la distribuzione

La Distribuzione (Place) fa riferimento allo studio delle modalità di accesso al bene/servizio da parte del pubblico, richiedendo la realizzazione di una rete di distribuzione che stabilisca come, dove e quando rendere reperibile il prodotto. La strategia di distribuzione va definita in relazione alle caratteristiche del prodotto, dell’azienda e del mercato di riferimento, oltre che del target selezionato a monte della strategia di marketing.

LEGGI ANCHE: Media Planning: che cos’è, chi se ne occupa

Marketing mix: la promozione

La Promozione (Promotion) è l’insieme di attività pubblicitarie e di comunicazione aziendale poste in essere per reclamizzare il prodotto e farlo conoscere al pubblico. Il web marketing ha profondamente modificato la variabile della promozione, ponendo in essere nuovi strumenti che vanno nell’ottica della personalizzazione del messaggio e dell’offerta commerciale. La definizione della strategia di promozione deve tenere conto della percezione che il pubblico ha del marchio e del prodotto stesso.

9th Marzo 2020

Tags: , , , , ,