Marketing su Instagram: tutto quello che devi sapere

come fare marketing su instagram

Instagram è uno dei social media più utilizzati al mondo e, soprattutto tra i più giovani, un canale che si attesta in crescita costante. Sempre più aziende, oggi, scelgono di consolidare la propria presenza sulla piattaforma dedicata alla condivisione di foto e video per aumentare la propria visibilità presso il pubblico di riferimento, ma, ovviamente, non basta condividere immagini e clip per trasformare il social in uno strumento di vendita. Come si fa a fare marketing su Instagram in modo efficace?

LEGGI ANCHE: Come fare marketing su LinkedIn per promuovere la tua azienda

Marketing su Instagram: alcuni dati

Instagram fa parte della stessa società che controlla anche Facebook e WhatsApp e, ad oggi, conta circa 1 miliardo di utenti in tutto il mondo, di cui 19 milioni in Italia. Il 30% degli utenti è composto da uomini (49,7%) e donne (50,3%) di età compresa tra i 18 e i 35 anni. La metà degli iscritti utilizza la piattaforma ogni giorno e il tasso di coinvolgimento (engagement rate) degli utenti è superiore del 70% rispetto a quello di Facebook. Oggi, più del 72% di chi acquista online dichiara di aver prima visionato il prodotto o il marchio su Instagram.

Ottimizzare la bio aziendale

La sezione principale degli account Instagram è rappresentata dalla biografia. Essa va intesa come una sorta di breve presentazione dell’utente (in questo caso dell’azienda) e, in quanto tale, deve essere in grado di fornire informazioni mirate. La descrizione dovrebbe essere breve, ma incisiva: il linguaggio scelto non deve essere impersonale e asettico, ma caratterizzante, originale, capace di trasmettere i tratti distintivi e i valori del brand, selezionando accuratamente il tono di voce appropriato e la foto profilo più adatta allo scopo.

Il profilo aziendale

Ultimamente, Instagram ha introdotto una novità capace di fare la differenza in ambito social media marketing: il profilo aziendale. Ora, infatti, è possibile distinguere i profili relativi alle imprese da quelli personali. Non si tratta di una distinzione semplicemente formale: attraverso il profilo aziendale, infatti, è possibile creare inserzioni a pagamento (esattamente come su Facebook), visionare gli insights (i dati statistici sulle campagne) e accedere ai dati di contatto degli utenti. Per creare una pagina aziendale occorre associare il proprio profilo alla propria pagina aziendale Facebook. Se non ne siete in possesso, ci pensa la stessa piattaforma a generarne una, in modalità totalmente gratuita.

Instagram e l’assenza di link

A differenza di quasi tutti gli altri social media, Instagram è quasi totalmente privo di link che rimandano ad altre pagine web. L’unica eccezione è costituita dalla bio, sezione in cui è possibile inserire link che, solitamente, sono utilizzati dalle aziende per rimandare alla homepage del sito ufficiale. Il link della bio, però, può essere sfruttato in svariati modi: ad esempio esso può rimandare a una landing page oppure può essere modificato con costanza per mettere in vetrina specifiche campagne promozionali o per dare visibilità ai nuovi prodotti lanciati dal marchio. Le pagine che raggiungono i 10.000 follower, invece, hanno la possibilità di inserire link nelle proprie Instagram Stories.

LEGGI ANCHE: Whatsapp Marketing: come promuoversi con l’instant messaging

Creare una hashtag strategy

Altro tratto caratterizzante del social media è la possibilità di inserire degli hashtag nei propri post. Attraverso l’hashtag (composto da parole senza spazi precedute da un cancelletto) si stima che l’engagement di post e storie aumenti di circa il 13%. Oggi, inoltre, gli utenti possono seguire gli hashtag come se fossero dei profili. Ad esempio, un utente appassionato di calcio può decidere di seguire l’hashtag #SerieA: in quel caso, sulla sua bacheca appariranno tutti i post corredati da quell’hashtag. Gli hashtag, inoltre, permettono di individuare i topic trends, ovvero gli argomenti che creano maggiore interesse presso la popolazione virtuale della piattaforma. L’hashtag strategy di un marchio dovrebbe essere completata dalla creazione di un proprio tag, utile a distinguersi e a consolidare la propria identità su Instagram.

23rd Dicembre 2019

Tags: , , , , , ,