Marketing su YouTube: come monetizzare il proprio canale

come monetizzare canale YouTube

Il video marketing è uno dei trend digitali più forti da diversi anni a questa parte. Gli utenti dimostrano di apprezzare sempre di più i contenuti video, i quali sono ormai unanimemente considerati i più efficaci per promuovere un brand, ma anche per l’industria dell’intrattenimento online. Realizzare video di qualità, però, può essere anche un ottimo modo per aumentare in modo diretto i propri profitti, ma per farlo è necessario dotarsi di una struttura che ti permetta di monetizzare il proprio canale YouTube!

LEGGI ANCHE: Come fare marketing con Telegram: strategie e consigli

Attivare la monetizzazione del canale

YouTube, ormai da diverso tempo, ha reso relativamente semplice la procedura che consente di attivare la monetizzazione di un canale. Va ricordato che, perché un canale possa avvalersi di tale programma, devono essere rispettate tutte le norme sulla monetizzazione di YouTube.

Per attivare la monetizzazione, occorre accedere al proprio canale YouTube, quindi, in alto a destra, passare sull’icona dell’account e cliccare su content marketing. Si aprirà un nuovo menu, da cui selezionare in alto a sinistra la voce Gestione Video > Video. A questo punto, bisogna sfogliare l’elenco dei video e selezionare quelli per cui si vuole attivare la monetizzazione, mettendo una spunta su quelli selezionati. Infine, basta spostarsi sulla parte superiore dello schermo, quindi selezionare Azioni > Monetizza. A quel punto, sarete voi a decidere come volete monetizzare il vostro canale.

Monetizzazione del canale: tipi di annunci

Una volta attivata la monetizzazione, gli utenti possono scegliere il tipo di banner pubblicitario che sarà possibile attivare sui video selezionati. Ecco l’elenco degli annunci:

  • Annunci Display: appariranno a destra del video
  • Annunci in overlay: appariranno in visualizzazione semitrasparente nella parte inferiore dei video
  • Annunci video ignorabili: disattivabili dall’utente dopo 5 secondi
  • Annunci video non ignorabili: della durata di 15-20 secondi, devono essere visualizzati fino alla fine. Compaiono, prima, nel mezzo o alla fine del video.
  • Annunci bumper: Annunci non ignorabili della durata di 6 secondi che compaiono prima dell’inizio del video.
  • Schede sponsorizzate: suggerimenti di contenuti che possono essere correlati a quello mostrato sul proprio canale. Ad esempio, schede che rimandano a prodotti utili a chi ha visto il video.

Abbonamenti al canale

La monetizzazione del video è però solo una delle risorse a disposizione dello YouTuber. Un’altra modalità di guadagno è quella degli abbonamenti al canale. Qui il profitto deriva direttamente dall’utente, il quale decide di attivare un abbonamento al canale in cambio di determinati servizi o prodotti stabiliti da voi. Potete ad esempio decidere di realizzare contenuti riservati ai soli abbonati oppure la possibilità di scaricare contenuti o, ancora, lotterie e concorsi dedicati, ecc.

Merchandising

YouTube offre inoltre la possibilità di creare un proprio scaffale di merchandising, esposto nella pagina di visualizzazione dei video e direttamente correlato al vostro brand.

LEGGI ANCHE: Facebook per aziende: come sfruttarlo al meglio

Superchat e Super Stickers

Gli utenti, inoltre, possono decidere di pagare per accedere alla possibilità di mettere i propri commenti nelle prime posizioni della sezione dedicata. Per attivare tale funzione occorre accedere a studio.youtube.com, quindi dal menu a sinistra selezionare monetizzazione; dal menu principale della dashboard selezionare, infine basterà seguire la procedura guidata.

15th Maggio 2020

Tags: , , , ,