Mobile SEO: il posizionamento organico per dispositivi mobili

SEO mobile

Una delle tendenze web più significative degli ultimi anni è quella, da parte degli utenti, di preferire in maniera sempre più consistente la navigazione internet tramite smartphone o tablet a quella da PC. Se la vendita di computer si attesta in continua diminuzione, cresce significativamente il mercato dei dispositivi mobili e, parallelamente, anche l’utenza tramite tali device. Un trend che, dati alla mano, è destinato ad accentuarsi costantemente anche in futuro, in linea con quanto registrato almeno da cinque anni a questa parte. Alla luce di ciò, appare chiaro come sia importante per le aziende sviluppare strategie digital che sappiano adattarsi al cambiamento. L’importanza della mobile SEO, dunque, è oggi rilevantissima: ma come si fa a posizionarsi sulle SERP generate dalla navigazione tramite smartphone e tablet? Cosa cambia rispetto alla SEO da desktop? Ecco cosa sapere sul mobile SEO.

LEGGI ANCHE: SEO on.page: gli interventi da fare sul proprio sito per posizionarsi su Google

Il Mobile-friendly design non è un’alternativa

Ormai da diversi anni, tutti i siti web devono presentare un design mobile friendly. Ciò significa, in concreto, che la visualizzazione del sito si debba adattare automaticamente al display su cui viene navigato. Se ciò non avviene, l’utente si ritrova costretto a navigare un sito pensato per la riproduzione desktop, con consegui difficoltà per chi lo utilizza, come ad esempio testi molto piccoli e struttura del sito scomoda se non del tutto inaccessibile.

Come sviluppare un sito mobile friendly

Esistono tre modalità per implementare la funzione mobile friendly su un sito:

  • Responsive web design: viene utilizzato lo stesso codice HTML, ma capace di adattarsi in automatico al tipo di device. L’URL resta lo stesso;
  • Pubblicazione dinamica: viene utilizzato un diverso codice HTML a seconda del dispositivo utilizzato per la navigazione del sito. Anche in questo caso, l’URL non cambia;
  • URL distinti: a seconda del dispositivo utilizzato per la navigazione, viene fornito un URL differente tramite reindirizzamento.

Le keyword per la ricerca mobile

Sviluppare una strategia Mobile SEO significa anche riconfigurare una nuova analisi degli obiettivi in relazione alle keywords di ricerca. Sebbene spesso le parole chiave ricercate dagli utenti siano simili su mobile e su desktop, non si tratta di una regola: se il vostro obiettivo è intercettare traffico soprattutto tramite dispositivi in movimento, è probabile che sarete chiamati dunque a rivedere anche la vostra SEO content strategy. Un consiglio sempre valido è di studiare i competitor che sono più avanti nella strategia, valutare le scelte che hanno fatto loro e comprendere come batterli attraverso l’efficacia dei propri contenuti.

La ricerca vocale

La ricerca vocale sta assumendo una rilevanza sempre maggiore e in futuro essa sarà un fattore ancor più significativo. Il consiglio è dunque di individuare una serie di parole chiave di lunga coda, che assomigliano alle domande che un utente potrebbe porre a Google.

Il tempo di caricamento

Un parametro rilevante anche per la SEO da desktop, ma ancor più per quella mobile è certamente il tempo di caricamente del sito. Per fare in modo che il proprio sito venga caricato rapidamente tramite tutti i dispositivi è bene evitare di appesantire la sua struttura. Per tale motivo, è buona consuetudine eliminare tutti quegli elementi che rallentano la piattaforma: Flash, JavaScript, PDF, ma anche fastidiosi popup e infografiche. Meglio puntare su una navigazione che sia più lineare possibile.

LEGGI ANCHE: Sito web aziendale: come costruire una piattaforma efficace

La local search

Spesso, chi utilizza la navigazione mobile è in cerca di attività sul territorio: negozi, ristoranti, strutture ricettive, ecc. Per tale motivo, è bene che il vostro sito sia ottimizzato per la local search. In che modo? Prima di tutto, mettendo in evidenza i dati geografici e i contatti: nome, telefono (cliccabile), indirizzo della sede, mail. Inoltre è sempre positivo (e apprezzato da Google) inserire i giorni e gli orari di apertura della propria attività, avendo cura di aggiornarli in caso di variazioni stagionali.

30th Gennaio 2020

Tags: , , , , ,