SEO Copy: scrivere contenuti per posizionarsi su Google

SEO CopywritingSappiamo ormai da anni che il SEO copy, ovvero la scrittura di contenuti ottimizzati per i motori di ricerca sia un fattore fondamentale per favorire il posizionamento del proprio sito web, ovvero per fare in modo che il proprio sito appaia tra i primi risultati delle ricerche effettuate dagli utenti. Cosa significa, all’atto pratico, realizzare contenuti ottimizzati? Ecco una guida completa alla realizzazione di testi SEO-oriented.

LEGGI ANCHE: Come creare una headline efficace e d’impatto: idee e spunti

SEO Copy: la scelta delle keyword

L’ottimizzazione di un contenuto testuale verte su un elemento nello specifico, quello delle parole chiave o keywords. Le parole chiave sono i termini che un utente inserisce nella barra di ricerca di Google quando effettua una ricerca. Obiettivo di chi conduce una strategia SEO è quello di apparire nelle prime posizioni di suddette pagine di ricerca, in modo da intercettare più pubblico. In base alla selezione delle parole chiave, si realizza una strategia di posizionamento. Va chiarito un aspetto fondamentale: non è il sito web nel suo complesso a posizionarsi sui motori di ricerca, ma le singole pagine dello stesso. Ogni pagina, dunque, deve essere ottimizzata per specifiche parole chiave. Se, ad esempio, vogliamo posizionare un ristorante situato a Roma, potremo ottimizzare la homepage per la parola chiave Ristorante a Roma e la pagina chi siamo per Cucina tipica a Roma.

SEO Copy: chiarezza, completezza, precisione

Come si sa, l’ottimizzazione di un testo per una specifica keyword richiede che quest’ultima ricorra frequentemente all’interno del contenuto, non solo all’interno dei paragrafi, ma anche nel titolo SEO della pagina il tag Title), nella descrizione della pagina (il tag description) e nei titoli dei paragrafi (tag H1, H2, H3, ecc.). Tuttavia, oggi le cose funzionano in modo differente e Google ha saputo sviluppare sistemi di scansione semantica dei contenuti: gli spider sono in grado di comprendere ciò che leggono e di assegnare ai singoli contenuti un valore. Alla luce di ciò, oggi è da ritenere molto più efficace in ottica SEO (e non solo) un testo esaustivo, ricco di informazioni, chiaro, senza errori morfosintattici e utile per l’utente. Inoltre, la naturalezza, oggi, ha assunto un peso specifico superiore rispetto al passato: meglio non esagerare con la ricorsività delle parole chiave, evitando forzature che verrebbero notate e disprezzate dal motore di ricerca.

SEO Copy: formattazione e stile

Alcuni suggerimenti di vecchia data relativi al SEO copy restano comunque sempre validi: grassettare, sottolineare o scrivere in corsivo la parola chiave permette ai bot del motore di ricerca di assegnare ad esse una rilevanza maggiore all’interno del testo. I paragrafi dovrebbero essere brevi, evitando l’utilizzo di subordinate. Un testo semplice da leggere ha più possibilità di posizionarsi rispetto ad un altro che, parlando degli stessi argomenti, si serve di periodi complessi e fa uso denso di tecnicismi poco comprensibili.

LEGGI ANCHE: Storytelling aziendale: cos’è e perché fa la differenza

SEO Copy: il pericolo del copia-incolla

I contenuti pubblicati sul sito devono essere inediti. Da un punto di vista legale, pubblicare testi tratti da altre fonti senza specificarlo è un reato, ma quando anche venisse riportato il nome della fonte, o quando anche si trattasse di contenuti scritti da voi, ma pubblicati già su altri canali, Google non apprezzerebbe. L’esclusività è un parametro cui i motori di ricerca riconoscono una fortissima considerazione, punendo al contrario quelle pagine che utilizzano contenuti riportati con il copia-incolla da altri siti. Se volete condividere un contenuto esterno al vostro sito, inserite direttamente il link alla pagina, che può rappresentare un valore aggiunto, soprattutto se il sito linkato è autorevole.

9th Settembre 2019

Tags: , , , , , , , ,