Whatsapp Marketing: come promuoversi con l’instant messaging

come funziona il WhatsApp MarketingWhatsApp è per distacco l’applicazione di messaggistica istantanea più diffusa al mondo: si stima che, ogni mese, circa 1,5 miliardi di utenti utilizzi l’app di proprietà della società Facebook Inc. (la stessa che possiede Facebook e Instagram) per inviare e ricevere messaggi di testo, foto, video e altri tipi di supporti mediali. Inevitabilmente, un’estensione di simile portata non può che rivelarsi anche uno straordinario strumento di promozione aziendale. Il WhatsApp Marketing è una realtà consolidata e in forte crescita, anche se in pochi sanno davvero comprendere e sfruttare le potenzialità di una simile risorsa. Ecco ciò che devi sapere per strutturare una strategia di vendita utilizzando l’app di instant messaging.

LEGGI ANCHE: Cosa significa Engagement: come coinvolgere il pubblico

Le potenzialità di Whatsapp Marketing

Prima di tutto, chiediamoci perché valga la pena considerare la possibilità di investire in strategie di WhatsApp Marketing. Il motivo è presto detto e sta semplicemente nella forza dei suoi numeri: ogni giorno, attraverso l’app di proprietà di Mark Zuckerberg, vengono inviati 50 miliardi di messaggi in tutto il mondo. Messaggi che, spesso, non sono inviati a contatti singoli, bensì vengono a gruppi di utenti in contemporanea. A differenza di altre tipologie di comunicazioni, i messaggi di WhatsApp presentano un altissimo tasso di engagement, dato che ben il 98% di essi viene visualizzato, una rilevantissima quantità dei quali entro i primi cinque minuti dalla ricezione.

WhatsApp: punti di forza

Come facilmente intuibile, WhatsApp presenta notevoli differenze rispetto a strumenti più consolidati di promozione digitali come Facebook o la suite di Google. Tra i punti di forza di WhatsApp, il più emergente è senza dubbio quello relativo alla sua immediatezza: si tratta infatti di uno strumento impiegato per la stragrande maggioranza dei casi tramite smartphone, un dispositivo che ognuno di noi percepisce come più intimo rispetto al pc; gli stessi messaggi che scorrono tramite l’app si configurano come un tipo di comunicazione molto più personale e diretto di quanto possa essere una mail o una notifica su Facebook. WhatsApp permette di rompere ogni velo di separazione tra chi comunica e chi riceve il messaggio e lo fa in maniera pubblica, dando la possibilità a chiunque faccia parte della chat di rispondere e di leggere le interazioni degli altri. A ciò si aggiunge la crossmedialità dell’estensione, che consente di inviare video, audio, file, messaggi di testo. Si tratta poi di uno strumento trasversale, utilizzato dai giovanissimi e, sempre di più, dagli over 60, intuitivo e agevole anche per i meno avvezzi alle nuove tecnologie: si tratta, insomma, di un mezzo trasversale a ogni tipologia di pubblico e straordinariamente capillare.

WhatsApp: punti di forza e di debolezza

WhatsApp non dispone di strumenti di marketing e non è pensato per una sua applicazione lato business e non c’è modo di acquistare pubblicità a pagamento. Inoltre, è un canale di comunicazione che presenta per sua stessa conformazione delle limitazioni, in quanto permette di inviare messaggi ad un massimo di 256 utenti contemporaneamente; per tale ragione, l’applicazione non si presta a dinamiche di promozione aziendale su larga scala. Occorre poi considerare che, proprio per via del suo carattere di intimità, è facile che l’utente possa percepire le comunicazioni pubblicitarie ricevute tramite messaggio come una violazione della propria privacy, provando disagio. Occorre dunque agire con una certa cautela quando si svolge attività di marketing tramite messaggistica, ponendo particolare attenzione anche alla frequenza di invio dei propri contenuti.

Come sfruttare il WhatsApp Marketing per la tua azienda

Esistono tre modalità di comunicazione via WhatsApp: tramite chat singole, utilizzando messaggi broadcast o interagendo nei gruppi di utenti. In tutti e tre i casi, è opportuno utilizzare l’applicazione per veicolare contenuti di reale utilità e senza eccedere nel numero di pubblicazioni; ad esempio, si può impiegare l’app per informare su una campagna di sconti o per condividere un contenuto informativo di reale interesse; va assolutamente evitato l’uso di WhatsApp per la condivisione di contenuti spam o per comunicazioni che non presentano alcuna portata di interesse per l’utente.

LEGGI ANCHE: Event marketing: che cos’è, come e perché funziona

WhatsApp Business

WhatsApp Business è l’app lanciata dagli sviluppatori del servizio di instant messaging a supporto delle piccole e medie imprese. Essa permette infatti una serie di attività molto utili per le realtà di dimensione non eccessivamente grande: tramite essa è possibile salvare messaggi standard utilizzabili per velocizzare il servizio di customer care, rispondere a una chat senza l’obbligo di salvare prima il contatto in rubrica e di integrare una funzione click-to-chat sul sito web aziendale in modo da efficientare l’interazione tra pubblico e marchio.

18th Ottobre 2019

Tags: , , , ,