Video virale: MiGames Teaser | Regia: Paolo Caselli | DOP: Francesco Ferri | Cdp: Dueotto Film

 

Produzione video virali | Cosa sono realmente?

Ecco alcune risposte su questa nuova (in realtà non più tanto nuova) forma di comunicazione.

Ormai il termine video virale o viral sta spopolando prendendo sempre più piede nella comunicazione italiana, come spesso capita in netto ritardo rispetto a molti altri paesi europei. Ma cosa sono esattamente gli spot virali? In Italia siamo stati tra i primi a produrre spot virali quando questi erano considerati ancora una pura provocazione, grazie ad alcuni clienti coraggiosi tra medi e grandi marchi.

Iniziamo col dire che il termine virale deriva da virus, questo è un concetto fondamentale per comprendere questa forma di comunicazione. Gli spot virali si diffondono come un virus ed è un tipo di comunicazione orizzontale. Non c’è più un media che mette in onda un messaggio e un utente che osserva in maniera impassibile, ma il fruitore diventa esso stesso media. In parole semplici, quando un utente guarda un video virale, se questo lo colpisce particolarmente, lo condivide ai suoi amici che possono essere interessati, divertiti o emozionati da quel tipo di film, questi a loro volta lo girano ad altri amici creando così la viralità. E qui nasce un altro fattore determinante. Gli spot virali sono molto più “targettizzati” della comunicazione classica in quanto l’utente che invia un video ad un’altro amico sa che questo può essere interessato, quindi incosapevolmente, l’utente che invia uno spot fa un processo di individuazione del target. E’ infatti provato che un milione di visualizazzioni su uno spot virale è molto più importante di un milione di spettatori in tv, in quanto la forma di attenzione che si può avere davanti ad un virale “raccomandato” da un amico è sicuramente maggiore di quella che si ha nella fruizione di un programma televisivo. Questo anche perché molto spesso la tv si guarda con poca attenzione, magari mentre si sta cucinando, chiaccherando oppure davanti al computer con la tv accesa di sottofondo. Ma come fa uno spot a diventare virale? Ecco un altro concetto fondamentale che ci farà capire come uno video virale si differenzi da uno spot generico a basso budget. Credere che realizzare un video virale debba per forza essere a basso budget è un’errata convinzione. Alcuni spot virali che hanno avuto enorme successo mondiale sono tutto fuorchè economici. Diciamo anche che uno spot nato come virale può funzionare benissimo in altri media come ad esempio la televisione, che anzi ne aumenta la viralità, ma che il discorso non vale al contrario. Uno spot che non ha elementi virali difficilmente avrà successo in quel passaparola di cui parlavamo prima. Cosa fa diventare un video “virale”? Sarebbe difficile fare un elenco esaustivo, per fare una sintesi un video diventa virale quando ha degli elementi eclatanti che ti fanno venire voglia di condividerlo, come per esempio elementi di comicità particolarmente forti, spesso riferimenti più o meno espliciti alla sessualità, una buona dose di reality o elementi particolarmente emozionanti e commoventi. Questi sono solo alcuni degli elementi, la viralità è un alchimia formata da tantissimi fattori.

Henri Bergson insegna, nella comicità si possono studiare a tavolino tutti gli elementi che fanno ridere, ma poi i tempi comici o li hai o non li hai.

In ultima analisi non tutti i video virali possono essere utilizzati per fare delle campagne pubblicitarie. Spesso alcuni video raggiungono moltissime visualizzazioni ma in molti casi non sono realizzati bene e dunque comunicano male. Ricordiamoci che uno spot deve comunicare i valori di un’azienda o di un prodotto e quale azienda vorrebbe far arrivare un messaggio incomprensibile ai propri potenziali consumatori? Per realizzare uno video virale bisogna innescare un’alchimia di qualità, professionalità, messaggio, visualizzazioni e immagine. Comunicare è una cosa molto delicata e bisogna evitare di comunicare male o sbagliare messaggio perché si comprometterebbe l’immagine aziendale. Il numero di visualizzazioni sono solo uno dei tanti elementi che riguardano la comunicazione virale.

mfilmproduction utilizza un linguaggio esplosivo, ironico, altamente creativo e innovativo.
 La nostra area video è specializzata nel realizzare spot virali permettendo ai suoi clienti di avere una grossa visibilità con dei budget contenuti. Con la casa di produzione VisionariaFilm ha ideato e prodotto per Procrea Swiss fertility Center “Realizza il tuo sogno più grande. Diventa mamma o papà”, il video viral lanciato in italia e la cui viralità naturale arrivò in soli 15 giorni a una reach di 231.000 utenti e 63.000 visualizzazioni effettive e in soli sei mesi 450.000 persone raggiunte con 207.000 visualizzazioni totali.

Agenzia: Mediatica Comunicazione | Regia: Daniele cantalupo | DOP: Francesco Carini | CDP: VisionariaFilm

 

Realizzazione video virali ed editoriali web:

 

Agenzia: Mediatica comunicazione | Regia: Daniele Cantalupo | CDP: VisionariaFilm

Agenzia: Mediatica comunicazione | Regia: Daniele Cantalupo | CDP: VisionariaFilm

Agenzia: Mediatica comunicazione | Regia: Daniele Cantalupo | CDP: VisionariaFilm

Regia: Nicola martini | CDP: Ghost

 

Regia: Daniele Scarpa | CDP: F.S.

Regia: Daniele Scarpa | CDP: F.S.

 

Mediatica comunicazione è la tua agenzia di produzione video virali con sede principale a Milano e operativa su gran parte del territorio italiano e svizzero: roma, torino, genova, bologna, verona, brescia, como, lugano e tutto il canton ticino.

Produzione video virali | per la realizzazione di video virali e seeding, condividici i tuoi obiettivi e al resto penseremo noi! compila il nostro form e sarai contattato subito da un nostro account!

clicca qui e compila il form!