fbpx

L’importanza del packaging per il marketing aziendale

packaging marketing

Il packaging, nell’ambito della comunicazione di brand, è l’imballaggio utilizzato dalle aziende per proteggere e trasportare i propri prodotti, permettendo una conservazione sicura e tutelandone l’integrità durante gli spostamenti e il deposito. Come facilmente intuibile, però, il packaging non presenta solo uno scopo funzionale, ma riveste anche una notevole importanza in ottica di marketing e comunicazione di marca e deve essere valorizzato per aumentare l’attrattività del prodotto presso un pubblico specifico e mirato. In che modo? Ecco come valorizzare il packaging aziendale.

LEGGI ANCHE: Colori aziendali: come sceglierli e con quali obiettivi

Il Packaging come attività di marketing

Il packaging racchiude tutte le attività e le fasi che permettono a un marchio di progettare e di concretizzare il confezionamento dei propri prodotti. Come anticipato, il packaging ha a che fare con valutazioni di carattere estetico e che si legano strettamente alle analisi di marketing e di mercato: il confezionamento, infatti, non è uno strumento prettamente utilitaristico, ma un fattore che permette di differenziare i prodotti sul mercato e di aumentare la loro desiderabilità.

Imballaggio: l’abito dei prodotti

L’importanza del packaging è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni, in parallelo con l’incremento delle logiche di distribuzione a libero servizio. Fondamentale, nello studio del confezionamento, è la capacità di identificare la marca e di renderla facilmente distinguibile dalle altre. Per tale ragione, il packaging viene sviluppato in modo coerente con l’immagine dell’azienda, per riproporre i suoi colori e la sua visione. Il packaging, infatti, è parte integrante dell’immagine coordinata di un brand.

Le funzioni del packaging

Dunque, la funzione principale (o quantomeno quella per cui nasce) il packaging è quella di proteggere il prodotto nelle fasi di trasporto e deposito. L’evolversi delle logiche del marketing di prodotto, poi, ha reso il confezionamento una leva di persuasione sempre più decisiva. Oggi scegliamo gli acquisti anche in relazione alla loro capacità di attrarre lo sguardo e di sollecitare l’aspetto emozionale. Ciò non vale solo per beni relativi alla sfera dell’estetica, ma anche per prodotti di prima necessità, correlati a esigenze fondamentali, come quelli del comparto alimentare o del benessere del corpo.

L’importanza del copy

Inoltre, attraverso il packaging vengono fornite informazioni al consumatore. La confezione, dunque, deve essere studiata anche in un’ottica di content marketing: la scatola di un prodotto riporta nozioni che riguardano la sua composizione, istruzioni d’uso, informazioni sul contenuto o, in molti casi, sono sfruttati anche per la gestione di campagne che utilizzano buoni, omaggi o altre promozioni. Senza dimenticare, poi, che l’aspetto emozionale deve essere sollecitato anche attraverso l’elaborazione di payoff e altri elementi capaci di convincere l’utente.

LEGGI ANCHE: Brand Manager: chi è, cosa fa, come diventarlo

L’estetica dell’imballaggio: forme, materiali e colori

Imprescindibile, infine, è lo studio del packaging dal punto di vista formale. Oggi, l’alto tasso di concorrenzialità spinge le aziende a elaborare confezioni sempre più originali e fuori dagli schemi classici. Perciò risulta decisiva la scelta delle forme, dei materiali e dei colori più efficaci allo scopo. La selezione dei materiali, in particolari, riveste anche una funzione etica e, sempre più, mira a proporre confezioni ecocompatibili, facilmente smaltibili e che non impattano sull’ambiente.

Scopri tutti i nostri servizi di comunicazione!

8th Aprile 2021

Tags: , , , ,