fbpx

Come realizzare uno spot radiofonico: ideazione e sviluppo

realizzare spot radiofonico

Uno spot radiofonico è un mezzo di promozione e branding potenzialmente efficacissimo per far conoscere l’azienda e i suoi prodotti. Specie per i meno esperti, però, non è semplice comprendere a fondo le logiche che orbitano dietro e attorno all’ideazione e alla distribuzione di uno spot in radio. Qui spiegheremo dunque come realizzare uno spot radiofonico e come provvedere alla sua funzionale distribuzione.

LEGGI ANCHE: Podcast marketing: che cos’è e come farlo nel modo giusto

Cosa vuoi promuovere?

Prima di avventurarsi in un progetto di spot radiofonico è necessario avere le idee chiare. Un aspetto in particolare deve essere considerato primariamente: qual è il tuo obiettivo? Che cosa vuoi promuovere? Perché lo spot pubblicitario può avere intenti differenti ed essere utilizzato per lanciare in toto il proprio marchio oppure un prodotto specifico della propria linea. L’obiettivo può essere quello di invitare il pubblico a visitare il proprio negozio fisico o, ancora, di promuovere un evento o un periodo di sconti a tempo limitato. L’obiettivo che ci si pone indirizza ogni step successivo.

Su quale caratteristica puntare?

Uno spot radiofonico è esplosivo, immediato. In pochi secondi occorre trasmettere un messaggio vincente, capace di catturare l’attenzione e di restare impresso nella mente dell’ascoltatore. Riuscire a fare centro in pochi secondi non è per nulla facile: per riuscirci bisogna dunque individuare le caratteristiche da comunicare. Perché l’utente dovrebbe scegliere la tua azienda e i tuoi prodotti? Qual è il tuo punto di forza? Un brand può fare leva sull’aspetto qualitativo, su politiche di prezzo, sull’unicità di un’offerta commerciale o su tantissimi altri elementi. Ciò però deve essere chiarissimo sia a chi realizza lo spot e sia a chi lo ascolterà.

Originalità, capacità di interessare

Lo sappiamo bene: la stragrande maggioranza del pubblico è portata a cambiare canale o stazione durante la pubblicità, ciò vale sia in tv che in radio. L’unico modo per evitare che ciò accada è essere interessante. Ciò in radio è reso ancora più complicato dal fatto che non abbiamo a disposizione la forza delle immagini, ma solo il supporto audio. Dunque, è fondamentale riuscire a sviluppare una storia intrigante fin da subito. Lo storytelling, unito a musiche e suoni d’impatto, permette di attirare l’ascoltatore e di motivarlo a restare sintonizzato ad ascoltare ciò che abbiamo da dire. Un messaggio vincente è dato dunque dalla concomitanza di chiarezza, efficacia e creatività!

A chi ti rivolgi?

Un messaggio, quale esso sia, non ha la stessa valenza per tutti. Fondamentale è anche comprendere a chi ci rivolgiamo. Un pubblico di giovani, di persone di mezza età, di soli uomini o di sole donne, di gente appassionata di questo o quell’argomento reagiscono in modo differente davanti a uno stimolo. Quando si idea e realizza uno spot, è cruciale avere ben chiaro il proprio pubblico di riferimento, per configurare un messaggio su misura. Non solo la realizzazione dello spot, ma anche la sua distribuzione è dettata da queste valutazioni: ogni radio ha un proprio target; lo spot deve essere distribuito presso quei canali che puntano su un target di utenti quanto più possibile simile a quello della tua attività.

LEGGI ANCHE: Payoff aziendale: che cos’è e caratteristiche

Budget e pianificazione degli investimenti

Per gestire con successo una campagna radiofonica bisogna infine massimizzare il proprio investimento. Lo spot non deve essere distribuito in modo casuale, ma previa pianificazione delle stazioni e dei canali più indicati. Dunque si tratta in questa fase di individuare le radio in target con il proprio core business dal punto di vista contenutistico e anche geografico e, nello stesso tempo, in linea con i parametri economici prestabiliti.

Scopri tutti i nostri servizi di comunicazione!

10th Settembre 2021

Tags: , , ,