fbpx

I migliori social network di fotografia: non solo Instagram e Pinterest

social media foto

Quando parliamo di internet e di immagini, la stragrande maggioranza degli utenti non può fare a meno di pensare a Instagram. La piattaforma del gruppo Facebook è certamente la più nota e utilizzata a livello mondiale per ciò che concerne la diffusione di immagini online, ma non si tratta certamente dell’unica né della prima in ordine temporale. Moltissimi internauti conoscono molto bene anche Pinterest, social media di grande successo in ambito fotografico. Abbiamo però deciso di creare una lista dei migliori social network di fotografia al di fuori delle due conosciutissime piattaforme sopra citate. Eccola!

LEGGI ANCHE: Come definire la propria hashtag strategy su Instagram

Flickr

Flickr è tra le piattaforme sociali più vecchie oggi in attività. Nato nel 2004, il social è stato tra i pionieri assoluti dell’universo delle immagini, sebbene la sua fama abbia subito forti scossoni e abbia pagato dazio all’ascesa di sempre più numerosi competitor. La sua evoluzione è stata particolare: nasce come spazio virtuale per ospitare fotografie da caricare su altri siti, si evolve diventando una comunità virtuale a sé stante, strutturata su fiorenti comunità a tema che danno vita, in parallelo, a forum di discussione su argomenti specifici. Il punto di forza di Flickr sta nella possibilità di creare e condividere con i contatti la propria digigrafia.

500 Px

Creata nel 2009, la piattaforma 500 Px è dal 2018 di proprietà della società Visual China Group. Si tratta di uno spazio riservato a soli fotografi professionisti. Ciò comporta, da una parte, numeri della community limitati rispetto ad altre piattaforme e, dall’altra, un tasso qualitativo dei contenuti altissimo. Il social è pensato soprattutto come una sorta di portfolio online per fotografi, i quali possono utilizzare il proprio spazio virtuale per postare gli scatti migliori, promuoversi e farsi conoscere dal pubblico della rete.

Steller

Steller è un social che utilizza una logica particolare: la piattaforma, infatti, permette di creare vere e proprie storie per immagini, sfruttando un sistema intuitivo e un’interfaccia minimal. Steller riesce così a ibridare la fotografia con lo storytelling e, grazie alla sua evoluzione, ha acquisito anche i tratti tipici del social network, integrando la possibilità di inserire commenti e hashtag. L’applicazione è stata introdotta sul mercato nel 2014.

VERO

VERO, o nella sua forma estesa VERO True Social, nasce per un utilizzo prettamente tramite smartphone nel 2015 e si pone come una sorta di via di mezzo tra il funzionamento di Facebook e quello di Instagram. L’applicazione, infatti, permette di condividere anche altri supporti oltre alle immagini. VERO è un sistema fortemente indicato per le foto perché consente la pubblicazione di immagini ad alta definizione. Il suo Feed non utilizza la logica algoritmica, tipica dei social media mainstream, ma quella cronologica. Il sistema è scelto dai suoi utenti anche per via dell’assenza di pubblicità, un aspetto molto apprezzato da community di utenti che ricercano spazi virtuali discreti e che non sono votati alla commercializzazione, cui antepongono l’aspetto del mero interesse artistico.

LEGGI ANCHE: Fare marketing su Pinterest: come, quando e perché

EyeEm

EyeEm nasce nel 2011, percorrendo la scia solcata in quegli anni da Instagram. La piattaforma è incentrata sulle fotografie e utilizza un’intelligenza artificiale per assegnare un valore alle immagini, decidendo in relazione alla qualità estetica il grado di visibilità da concedere ad ogni contenuto. All’interno di EyeEm è presente un marketplace in cui è possibile acquistare le fotografie presenti nel database.

Scopri tutti i nostri servizi social media marketing!

15th Ottobre 2021

Tags: , , ,