fbpx

Che cos’è Shopify: guida alla piattaforma di vendita online

Che cos'è Shopify

Oggi, gran parte del consumo passa attraverso i canali digitali. Viene da sé che possedere un proprio canale e-commerce, per un’azienda di prodotti, è certamente una risorsa preziosa e potenzialmente decisiva, un mezzo in grado di aumentare in modo esponenziale le vendite e i profitti. Non sempre, però, realizzare un proprio sistema di commercio elettronico è una scelta praticabile, per gli alti costi di realizzazione e gestione o per i ridotti volumi di vendita che non ne giustificano l’investimento. In quei casi, esiste una soluzione alternativa rappresentata dai servizi e-commerce che permettono di creare una propria vetrina online senza la necessità di dotarsi di una piattaforma proprietaria. Tra essi, uno dei più noti è certamente Shopify: che cos’è e come funziona?

LEGGI ANCHE: E-commerce o sito vetrina: come fare la scelta giusta

Che cos’è Shopify

Shopify è una complessa piattaforma di commercio elettronico che consente agli utenti di iscriversi e di creare un proprio negozio online. Ogni negozio possiede un proprio URL in modo che ogni venditore iscritto possa utilizzarlo come se fosse un vero e proprio sito personale in cui esporre i propri prodotti, gestire operazioni di web marketing, processare i pagamenti e amministrare le spedizioni.

Shopify: nascita e origini

La piattaforma è di proprietà dell’omonima società canadese ed è stata lanciata ufficialmente nel 2006. I tre fondatori, Tobias Lütke, Daniel Weinand e Scott Lake, inizialmente avevano il progetto di lanciare un negozio online per la vendita di attrezzature per lo snowboard chiamato Snowdevil. A tre mesi dal lancio del sito, essi decisero di aprire alla possibilità anche ad altri esercenti di esporre e vendere i propri prodotti e creando una piattaforma ad hoc, ovvero Shopify. Oggi Shopify è presente in quasi 150 Paesi nel mondo e accoglie al proprio interno circa 1,7 milioni di negozi online, attivi in ogni settore merceologico.

Iscrizione e costi

Per essere presenti su Shopify occorre pagare un canone mensile, più una commissione sulle vendite. La piattaforma è disponibile in tre diverse soluzioni:

  • Basic Shopify: adatto per attività che vendono occasionalmente, appena avviate o non presenti online. La soluzione ha un costo mensile di 29 euro.
  • Shopify: ideale per business in crescita e che vogliono dare continuità ai propri affari online. La soluzione ha un costo mensile di 79 euro.
  • Advanced Shopify: strumento completo a avanzato, consigliato per business ampiamente sviluppati, che generano una mole di affari continuativa e che necessitano di un servizio di reportistica dettagliato. La soluzione ha un costo mensile di 299 euro.

Come funziona Shopify

Il punto di forza di Shopify è rappresentato soprattutto dalla sua semplicità d’uso. In pochi passaggi, è possibile completare l’iscrizione (che comprende 14 giorni di prova gratuita) e iniziare a configurare il proprio store online. La prima cosa da fare è selezionare il tema del proprio negozio online scegliendo tra tantissime alternative gratuite e a pagamento e successivamente si passa all’inserimento dei prodotti. Il negozio è ampiamente personalizzabile mettendo anche mano al codice HTML del negozio e sviluppando applicativi e grafiche personali.

LEGGI ANCHE: Amazon marketing: come fare successo sulla piattaforma ecommerce

La gestione del negozio

I prodotti possono essere organizzati per categorie ed è inoltre possibile inserire altre variabili come ad esempio le taglie, i colori, ecc., esattamente come con un e-commerce di proprietà. Il sito consente l’inserimento di immagini e descrizioni dettagliate ed esiste anche la possibilità di includere servizi extra attraverso l’installazione di estensioni e applicativi, quasi sempre sviluppati da aziende terze. Shopify è accessibile tramite desktop e via app per mobile e tablet.

Scopri tutti i nostri servizi di web marketing!

12th Luglio 2021

Tags: , , ,