fbpx

Come creare una strategia di email marketing vincente

strategia email marketing

Implementare una strategia di email marketing non è affatto semplice. Se è vero che la vendita online articolata tramite l’invio di newsletter rappresenta uno degli approcci più efficaci in ambito digitale e tra i più alti tassi di conversione, è vero anche che solo una strategia implementata in modo opportuno e mirato è realmente in grado di generare risultati significativi. Ma come si fa a creare una strategia di email marketing che funziona davvero?

LEGGI ANCHE: Affiliate Marketing: che cos’è e come funziona

Creare una mailing list: la lead generation

Prima di addentrarci nel complesso mondo dell’email marketing dobbiamo acquisire dimestichezza con alcuni concetti e terminologie. Una strategia di vendita online tramite l’invio di newsletter non può prescindere dalla preliminare attività di lead generation e della creazione di una propria mailing list. Sì, perché per poter inviare newsletter commerciali o informative è necessario prima acquisire il consenso degli utenti e per ottenerlo occorre motivare i propri contatti. In che modo? Uno degli agganci più efficaci consiste nell’offrire un ‘premio’ (lead magnet). Ad esempio, si può proporre uno sconto, un gadget, un contenuto informativo gratuito, in cambio dell’attivazione della newsletter. Il bonus che scegliete deve essere coerente con la propria strategia di vendita e rivolgersi a un pubblico che sia potenzialmente interessato ai prodotti e ai servizi che offre l’azienda. Ovviamente, l’offerta di lancio deve essere promossa nel modo più capillare e razionale possibile, utilizzando una serie di strumenti come campagne social e Google AdWords, banner pubblicitari, landing page.

L’importanza del content marketing

La creazione di una mailing list è propedeutica al secondo step della strategia di email marketing, che consiste nell’invio delle prime newsletter promozionali. Qui però diventa fondamentale utilizzare un approccio di content marketing vincente: creare un oggetto della mail intrigante e che incuriosisca il lettore, fare in modo che le mail non finiscano direttamente nel cestino. Nella prima fase della strategia, occorre conquistare la fiducia dei propri contatti, perché un utente che si fida è un utente ben predisposto all’acquisto.

Fissare i propri obiettivi

Il content marketing deve essere parte di una strategia chiara in ogni suo aspetto fin dall’inizio. Ciò significa che, prima ancora di inviare una sola mail, è fondamentale aver definito gli obiettivi strategici della propria strategia di email marketing. Un conto è ad esempio strutturare un piano di marketing che punta a fidelizzare un pubblico già noto, un altro conto è creare nuovi contatti da zero e parlare a persone che non conoscono il marchio. L’email marketing, infatti, è un strumento complesso e utilizzabile per promuovere nuovi prodotti e servizi o per il lancio di una campagna di offerte. A seconda di cosa si vuole vendere e delle caratteristiche intrinseche del prodotto occorre definire il cliente tipo e una comunicazione specifica.

Fidelizzare l’utente

È molto più semplice convincere ad acquistare un utente che conosce l’azienda. Per questo (semplice) motivo, una strategia di email marketing strutturata in modo analitico non punterà a convertire il lead in un cliente fin dalla prima email. L’utente deve essere conquistato, convinto, posto in una condizione di fiducia. In che modo? Attraverso l’email nurturing, ovvero l’invio di contenuti in grado di ‘nutrire’ i propri contatti. Le prime newsletter devono porsi uno scopo informativo, presentare l’azienda, raccontare i suoi servizi e il proprio know how. La vendita arriverà nello step successivo, solo quando l’utente avrà imparato a conoscere e ad apprezzare il marchio.

LEGGI ANCHE: Che cos’è il Content Marketing: tutto ciò che occorre sapere

E finalmente: convertire

Ed eccoci al momento della conversione, ovvero quello in cui l’utente viene trasformato da semplice contatto in un acquirente. A questo punto, gli utenti hanno imparato a conoscere e ad apprezzare l’azienda e i suoi prodotti. Questo è il momento di proporre il prodotto che si voleva vendere fin dall’inizio. Occorre dunque comprendere quale sia il momento migliore per proporsi, quale tipologia di offerta abbia più presa, quale sia il modo più efficace di proporla. Va tenuto presente, però, che una strategia di email marketing non si conclude neppure al momento della vendita: l’utente, convertito in acquirente, a quel punto viene incluso in un altro sistema automatico nel quale riceverà periodicamente proposte, offerte, contenuti informativi e benefit riservati ai clienti, in modo da fidelizzarlo anche in prospettiva futura.

17th Novembre 2020

Tags: , , , , ,