fbpx

Le origini del marketing: quando, come e dove nasce

nascita del marketing

Vi raccontiamo le origini del marketing. Come, dove e quando nasce e quali sono state le dinamiche che hanno permesso o agevolato il suo sviluppo e le tappe successive che ne hanno favorito la diffusione e crescita.

LEGGI ANCHE: Payoff aziendale: che cos’è e caratteristiche

1910: la nascita del marketing

Le origini del marketing moderno vengono fatte risalire al 1910. La patria è, come facilmente immaginabile, gli Stati Uniti, dove a cavallo tra il 1910 e il 1920 sorgono le prime istituzioni di settore. La più antica è la National Association of Teachers of Advertising, composta da professori e studiosi della disciplina.

1929: un nuovo approccio al commercio

Il 1929 è un anno fondamentale per la storia dell’uomo, del mercato e del commercio. Naturalmente è l’anno che segna l’inizio della Grande Depressione, avviata dal crollo della borsa di Wall Street del 29 ottobre (il Martedì Nero). Secondo diverse interpretazioni, il 1929 è anche l’anno in cui si fa risalire la nascita di un nuovo approccio al marketing. O meglio, l’anno in cui un nuovo modo di pensare al consumo in una chiave più etica e sostenibile: l’American Way of life. Per la prima volta, si inizia a studiare in modo realmente organico e scientifico la grande distribuzione. Il primo approccio, tuttavia, va in direzione delle sole ricerche di mercato.

1935: la definizione di marketing del National Association of Teachers of Advertising

Nel 1930 era stata fondata anche l’American Marketing Society, la prima associazione dedicata al marketing che accoglieva, oltre ad accademici e studiosi, anche i pratici del settore quali manager, imprenditori e titolari d’impresa. Il marketing stava evolvendo, dandosi un assetto sempre più scientifico e basato sulle attività di analisi, confronto e test. Nel 1934, con la fondazione della National Association of Marketing Teachers, il marketing assume una consapevolezza propria, distaccandosi, come disciplina di studio e indagine, dalla pubblicità in senso stretto. Nel 1935, la National Association of Marketing Teachers propone una definizione di marketing come:

l’insieme delle attività d’impresa realizzate al fine di governare e indirizzare i l flusso di beni e servizi da chi produce a chi consuma.

LEGGI ANCHE: Marketing verticale e Marketing orizzontale: di cosa si tratta?

1950: gli anni del boom

Facciamo un salto avanti di 15 anni per arrivare al 1950: ora siamo negli anni del secondo Dopoguerra, gli anni del cosiddetto boom economico. Tutto il mondo si rialzava in modo impetuoso dopo gli sfaceli della Seconda Guerra Mondiale, il consumo diventava realmente un fenomeno massificato e proprio in quel periodo si fece avanti prepotentemente la consapevolezza di strutturare una disciplina capace di organizzare in modo sistematico la produzione, la distribuzione e la promozione. Qui prende davvero piede la concezione di marketing verticale: le aziende cercano un flusso di comunicazione diretto con i propri clienti, parlano quasi esclusivamente del prodotto e puntano a un pubblico pressoché indifferenziato, ma è in quegli anni che il marketing individua i capisaldi e le logiche su cui si basa il marketing odierno, orientato a intercettare i bisogni del pubblico e a rappresentarli attraverso prodotti e servizi.

Scopri tutti i nostri servizi di comunicazione!

7th Luglio 2021

Tags: ,