Fare marketing su Pinterest: come e perché funziona

come fare marketing su Pinterest

Pinterest è un social media che permette di pubblicare, catalogare e organizzare immagini, foto e video, raggruppandoli per temi o argomenti specifici – definiti Pin, lanciato ufficialmente a livello globale nel 2010. La piattaforma conta oggi oltre 300 milioni di utenti (di cui 8 milioni in Italia) e risulta tra i 100 siti web più visitati al mondo. Inevitabilmente, uno strumento di simile portata non può che rivelarsi anche un’ottima soluzione per promuovere marchi, servizi e prodotti. Ecco cosa sapere per fare marketing su Pinterest.

LEGGI ANCHE: TikTok e Covid-19: com’è cambiato il social durante la quarantena

Pinterest: come funziona

Pinterest, dunque, è una piattaforma dedicata alla condivisione di immagini e clip video, ma segue una logica d’uso differente da quella di Instagram: mentre, infatti, lo strumento di Facebook Inc. impiega un sistema ‘verticale’, secondo cui i contenuti sono raggruppati soprattutto in relazione alle pubblicazioni degli utenti, Pinterest segue una logica ‘orizzontale’, in cui l’elemento di organizzazione principale è quello della tematicità. I pin servono esattamente allo scopo di ordinare i contenuti in base all’argomento o alla tipologia di foto o video. Se su Instagram visualizziamo i contenuti in relazione agli utenti che seguiamo, su Pinterst sono i temi di nostro interesse a determinare quali contenuti ci vengono mostrati.

L’importanza dei repin

Un repin, nel gergo di Pinterest, consiste nella condivisione di un contenuto. Attraverso il repin possiamo condividere un’immagine o un video di un altro utente sulla nostra bacheca; in quel caso, l’autore del contenuto originale riceve una notifica ed è proprio questo elemento a rendere i repin uno strumento di marketing: in quel modo, infatti, è possibile entrare in contatto con altri utenti, creare relazioni, farsi conoscere, spingere gli iscritti a scoprire i vostri contenuti.

Sfruttare i commenti

Come i repin, anche l’inserimento di commenti è una risorsa attraverso cui creare e gestire relazioni costruttive con gli utenti, specie con quelli maggiormente in vista, o con potenziali clienti. Il commento è un ottimo modo di conoscere gli altri contributor e consolidare rapporti potenzialmente virtuosi di collaborazione e reciproco sostegno.

La forza del visual content marketing

Il visual content marketing è un trend che cresce esponenzialmente di anno in anno, come dimostra anche il successo di piattaforme come Instagram, TikTok, YouTube e Twitch. Immagini, video, ma anche Gif e infografiche rappresentano le tipologie di contenuto maggiormente fruite e apprezzate dalla popolazione digitale a livello planetario. Pinterest, in questo senso, è un canale di riferimento, solido, in crescita e forte di una presenza decennale sul mercato dell’intrattenimento audio-video.

LEGGI ANCHE: Google My Business: come funziona e quali vantaggi offre

Strategia efficace e idee chiare

Chiaramente, l’efficacia di una strategia di content marketing funziona se ha alle spalle una visione lucida, chiara e mirata. Non basta la mera presenza su Pinterest per fare in modo che aumenti l’attenzione su un brand e sui suoi servizi. Ogni azienda che si presenta sulla piattaforma, deve essere dotata di una propria strategia, di un’identità, di uno storytelling credibile e interessante. La sola presentazione di prodotti non è una strategia funzionale né utile, ma occorre che le aziende siano in grado di presentare un racconto interessante, di fornire contenuti utili, interessanti, istruttivi o anche solo divertenti. Obiettivi come la vendita o l’aumento della propria brand awareness possono essere raggiunti solo attraverso un percorso di marketing e narrazione del marchio mirati e inseriti in una comunicazione aziendale ad ampio raggio, coerente e seduttiva.

24th Agosto 2020

Tags: , , , , , , ,